Una sicurezza irraggiungibile

sicurezza.jpg

Facciamo di tutto per garantirci la tranquillità: non solo per soddisfare i nostri bisogni materiali, ma anche per limitare - o, meglio ancora, eliminare - ogni possibile rischio per noi e i nostri cari. Vogliamo vivere protetti. Vorremmo una sicurezza assoluta. Ma esiste davvero?

Nella nostra vita desideriamo stare bene e vorremmo rendere permanente questa condizione: non a caso investiamo molto per raggiungere questo obiettivo. Ci impegniamo per esempio a trovare un impiego più sicuro possibile, dal quale guadagnare abbastanza per vivere tranquilli. Stipuliamo buone polizze assicurative e ci sforziamo di osservare uno stile di vita sano che ci mantenga in salute. In generale tendiamo ad assumere meno rischi possibile e cerchiamo un buon livello di benessere interiore, evitando stress e ansia. Anche se sappiamo che non saremo esenti al 100% da brutte sorprese, tutti i nostri sforzi sono concentrati a garantirci una vita sicura.

La sicurezza non è in vendita

È abbastanza facile affermare che la sicurezza assoluta non esiste. È un problema che coinvolge tutti noi: da un lato cerchiamo sicurezza e dall'altro ci rendiamo conto di quanto sia limitato il controllo che abbiamo sul nostro destino. Nessuno può garantire che fino alla vecchiaia sarà sempre al sicuro, in ottima forma e in salute. Non siamo nella posizione di avere un'influenza sufficiente, ci sono troppe cose che non dipendono da noi e che non abbiamo il potere di cambiare. Molte volte neanche i nostri risparmi sono al sicuro. Possiamo solo sperare che le cose vadano per il meglio. È quindi evidente che il problema della sicurezza assoluta non lo risolveremo da soli, perché nello stesso istante in cui ci culliamo nell'illusione di poterlo fare, a un tratto può capitare un imprevisto.

Una grande opportunità

Hai mai pensato però che proprio questa nostra insicurezza potrebbe essere una risorsa e una grande opportunità? Proprio così, perché quando arriviamo al limite molte volte cominciamo a porci delle domande esistenziali e magari iniziamo a riflettere sull'esistenza di Dio. Pensandoci bene, possiamo capire che Dio è l’opposto del tempo che muta in continuazione. Lui è un rifugio stabile, è sovrano, e tiene nelle sue mani il destino, il tempo e lo spazio. Mentre noi lottiamo per la salute e il benessere, lui ci offre la sua soluzione. E il suo piano è efficace, sebbene profondamente diverso da quello che umanamente potremmo pensare, perché non esclude sconfitte, malattie e fallimenti.

Gesù, il nostro esempio

Per capirlo è sufficiente osservare la vita di Gesù: da bambino fu costretto a fuggire da un re malvagio. Decise di non circondarsi di ricchezze: non possedeva nulla, nemmeno una casa di proprietà. Era odiato dalla sua gente e per finire venne giudicato come un delinquente e condannato a morte. All’apparenza si potrebbe pensare che questo non rappresenti un esempio di vita di successo: eppure, agli occhi di Dio, lo è stata. Una vita così difficile ha influenzato intere generazioni, come nessun altro nella storia.

Dio è per noi

La soluzione di Dio non consiste nella certezza di vivere una vita "rose e fiori", senza problemi, bensì nella promessa del suo sostegno nell'affrontare le difficoltà quotidiane, perché egli rimane al nostro fianco. Inoltre ci assicura che ascolterà le nostre preghiere e che ci donerà la sua pace. In Dio troviamo sicurezza e la soluzione per ogni cosa: bisogni materiali, salute e risposte per il futuro. Solo Dio può colmare il nostro desiderio di sicurezza. Dovremmo affidare tutto nelle sue mani, rendendo a lui i nostri desideri, le preoccupazioni e le paure: solo lui ha un orecchio sempre attento nei nostri confronti.